Plebiscito Padova-L’Ekipe Orizzonte 14-4

Il Plebiscito Padova
batte L’Ekipe Orizzonte 14-4, nella
nona giornata del Campionato di Serie A1 di pallanuoto femminile, consolidando
la propria leadership in classifica e salendo a quota 27.

Le catanesi restano
però al terzo posto con 18 punti, con una lunghezza di vantaggio su Bogliasco,
e pensano già al prossimo turno.

E’ stata una partita
chiaramente a senso unico a favore delle venete, ma le rossazzurre hanno
approfittato di questo match per far fare esperienza alle giocatrici più
giovani, in campo per quasi tutto il match.

I tempi sono stati
vinti tutti dalle padrone di casa, a partire dal primo, conquistato per 4-1, e
dal secondo per 3-2. Ancora 4-1 pure nella terza frazione per il Plebiscito
Padova, che ha conquistato l’ultimo tempo per 4-0.

Miglior marcatrice
delle rossazzurre è stata Claudia Marletta con due goal, mentre Capitan Tania
Di Mario ed Isabella Riccioli hanno segnato una rete a testa.

Il largo margine nel punteggio finale non è comunque al
centro dei pensieri del coach dell’Ekipe Orizzonte, che a fine partita ha elogiato
la prestazione delle giocatrici rossazzurre più giovani: “
Il risultato è
pesante – ha detto Martina Miceli – ma
ci può anche stare, perché oltre ad essere la capolista devo dire che Padova è
anche molto in forma ed è normale che sia così dato che in settimana giocherà
la Coppa Campioni. Quindi le nostre avversarie ci hanno schiacciato, ma sono ugualmente
contenta e mi sono pure divertita perché ho avuto la possibilità di mettere in
acqua per tre tempi e mezzo tutte le più piccole. Infatti ho tolto Claudia
Marletta, Valeria Palmieri e Sofia Lombardo, lasciando con loro solo Tania Di
Mario. Abbiamo perso meritatamente, però malgrado la giovanissima età le mie
ragazzine non si sono risparmiate per nulla ed hanno lottato tutto il tempo.
Devo dire che hanno ben figurato ed hanno fatto pure meglio delle più grandi,
al di là del risultato finale, e dev’essere proprio questo il nostro obiettivo
da qui alla fine della stagione, a costo di non raccogliere punti nel girone di
ritorno. Giocare contro la capolista per quasi tutta la partita, prendere botte
e vedere come si giocano certe sfide è stata per loro una crescita enorme,
quindi sono contenta per loro. Di contro, vedere il nostro capitano che alla
sua età lotta ancora fino all’ultimo istante e notare che questo va in netta
contrapposizione con il fatto che qualcuna delle altre giocatrici più esperte
invece giochicchia mi indispone terribilmente, perché non è possibile vedere
cose del genere da delle ventenni che dovrebbero avere un atteggiamento
diverso. E’ sempre ciò che fa Tania Di Mario che deve essere da esempio per
tutte, perché abbiamo sempre detto che chi giochicchia non può stare nell’Orizzonte”.

 

IL TABELLINO DEL MATCH:

 

PLEBISCITO PADOVA-L’EKIPE ORIZZONTE 14-4 (4-1, 3-2,
4-1, 3-0)

 

Plebiscito Padova: Teani, L. Barzon 2, I. Savioli,
Gottardo 1, M. Savioli 3, Queirolo 2, A. Millo 1, Dario, Fisco, Robinson 2,
Nencha 1, Lascialandà 2, Franceschino. All. S. Posterivo

L’Ekipe Orizzonte: Schillaci, Amedeo, Campione, Y.
Buccheri, Di Mario 1, Grillo, Palmieri, Marletta 2, Santapaola, G. Aiello,
Riccioli 1, Lombardo. All. Miceli

Arbitri: Colombo e Pagani Lambri

Note: Uscita per limite di falli Nencha (P) nel quarto
tempo. Nel primo tempo Barzon (6’39”) ha fallito un rigore (palo). Superiorità
numeriche: Padova 4/10 + 2 rigori e Catania 2/10 + 1 rigore. Spettatori 250
circa

Nella foto Roberta Santapaola (PH MIMMO LAZZARINO).

Commenti

commenti