Orizzonte Catania-Rapallo PN: 10-8

L’Orizzonte Catania regala nuove ed incredibili
emozioni ai propri tifosi, conquistando una vittoria strepitosa nell’anticipo
dell’ultima giornata della regular season della Serie A1 di pallanuoto
femminile e sognando concretamente la possibilità di accedere ai Play-Off.

Le catanesi hanno infatti battuto 10-8 il Rapallo
PN, al termine di una partita dominata sin dall’inizio e giocata con cuore e
grinta dal primo all’ultimo secondo.

L’ennesima impresa delle rossazzurre
diventa epica se si pensa all’assenza pesantissima di Capitan Tania Di Mario,
squalificata dal giudice sportivo ma presente in tribuna a soffrire e tifare a
squarciagola per le compagne.

Prestazione strappalacrime quindi per le
ragazze di Martina Miceli, avanti 2-1 già alla fine del primo tempo. Divario
raddoppiato con il 3-2 del secondo parziale e addirittura ben sei marcature di
vantaggio (9-3) a metà terzo tempo sulle liguri, che chiudono la frazione alla
meno peggio perdendo “solo” 4-2. La squadra ospite prova la disperata rimonta nel
quarto tempo, arrivando ad una sola lunghezza dalle padrone di casa, ma a due
minuti dalla sirena Valeria Palmieri trova il guizzo decisivo, che fissa il
punteggio sul definitivo 10-8. Non succede più nulla e alla fine del match
Capitan Di Mario raggiunge immediatamente le compagne e Martina Miceli, che la
accolgono con un abbraccio carico di gioia ed emozione, sotto gli occhi del
pubblico che tributa a tutto il gruppo rossazzurro un lunghissimo applauso.

Alla fine quindi è grande festa e a
guidarla c’è pure la stessa Valeria Palmieri, top-scorer delle catanesi con
quattro goal di ottima fattura. Non smette di stupire Isabella Riccioli, a
segno anche stavolta con tre goal di prepotenza. Due goal chirurgici per Emilly
Greenwood, uno bellissimo pure per Sofia Lombardo. Sontuosa Carina Harache,
autrice di almeno sei parate da incorniciare e stoica nel finire la partita,
stringendo i denti dopo aver preso una pallonata su un occhio.

Sorride anche la classifica, che oggi vede
l’Orizzonte Catania al sesto posto a quota 24 punti e con una lunghezza di
vantaggio sul Prato. In questo momento quindi le catanesi andrebbero ai
Play-Off usufruendo così dell’ultimo posto utile per la qualificazione, ma
bisogna aspettare domani perché le toscane saranno ospiti della Mediterranea
Imperia Campione d’Italia in carica e cercheranno di vincere a tutti i costi, malgrado
la trasferta si presenti difficilissima.

Intanto
però è giusto festeggiare a prescindere ed è con questo spirito che il
Presidente dell’Orizzonte Catania accoglie il successo strepitoso delle proprie
giocatrici:
“Cresciamo
sempre di più, giorno dopo giorno – dice
il Prof. Nello Russo –
, questa squadra è stata capace di fare passi da
gigante nel giro di pochissime settimane. I meriti vanno divisi equamente tra
tutti, ma il plauso più grande va al nostro allenatore. Martina Miceli è una maga!”

Al
termine del match proprio il coach dell’Orizzonte Catania non sta nella pelle
per la felicità e saluta con entusiasmo l’ennesima grande impresa della sua
squadra:
“Aspettiamo il
risultato di Imperia – ha detto Martina
Miceli –
, ma sono contentissima perché anche oggi le mie ragazze hanno
fatto qualcosa di eccezionale. Sono state davvero fantastiche, lo sono state
tutte, a partire da chi è stato in tribuna a soffrire accanto e insieme a
Tania. Hanno meritato questa partita, questa vetrina e se la sono giocata alla
grande, malgrado ci fossero i presupposti peggiori proprio per l’assenza
impossibile da colmare del nostro capitano. Rapallo ha provato a rientrare nel
match, ma noi abbiamo avuto davvero troppa voglia di vincere. A prescindere da
quello che accadrà domani, oggi raccogliamo quello che abbiamo costruito in
questa stagione ed è bello farlo con quella che non è solo la vittoria della
squadra ma è il successo di tutti, dal Presidente ai tanti addetti ai lavori,
dai dirigenti a tutti i miei collaboratori, soprattutto Aurora Coppolino che
quando è stato necessario mi ha sostituito in modo impeccabile, così come
Lorenzo Cocuzza che è sempre preziosissimo e il Prof. Brancati, capo di uno
staff medico davvero invidiabile. Ci siamo meritati questo finale di stagione,
a maggior ragione perché all’inizio del campionato a credere in questo progetto
erano quattro o cinque persone. Nessuno ci dava alcun credito, noi invece ci
abbiamo creduto e adesso siamo qua a goderci questo momento, ben sapendo di
avere ancora tante potenzialità su cui lavorare e molto altro da far vedere ai
nostri tifosi, che oggi sono stati strepitosi come sempre”.

 

IL
TABELLINO DEL MATCH:

 

 

Orizzonte Catania – Rapallo PN:
10-8 

 

Parziali:
2-1, 3-2, 4-2, 1-3

 

Orizzonte: Harache, Greenwood 2, Distefano,
Buccheri, Musumeci, Grillo, Palmieri 4, Marletta, Santapaola, G. Aiello,
Riccioli 3, Lombardo 1, Schillaci. All. Miceli

Rapallo: Lavi, Abbate 2, Zerbone, Avegno 1,
Sessarego, Sgrò, Tankeeva 2, S. Criscuolo, Mori, C. Criscuolo 1, Cotti 1,
Ioannou 1, Risso. All. Antonucci

Arbitri: Centineo e Gomez

Note: Uscita per limite di falli Marletta
(O) nel quarto tempo. Nel terzo tempo Marletta (Orizzonte) ha fallito un rigore
(parato da Lavi). Superiorità numeriche: Orizzonte 2/7 + 1 rigore e Rapallo
3/7. Spettatori 250 circa

Commenti

commenti