Orizzonte Catania-Messina Waterpolo 4-9

Il
primo round dei Quarti di Finale dei Play-Off Scudetto tra Orizzonte Catania e
Waterpolo Messina va alle peloritane, ma le rossazzurre escono a testa alta
dalla Piscina “Francesco Scuderi” di Via Zurria (CT).

Il
match di stasera tra le catanesi e le messinesi si è infatti chiuso sul 4-9 per
le ospiti, ma le etnee hanno onorato l’impegno per tutto il match, pur non
avendo ancora una volta il proprio Capitano, che oggi ha scontato il secondo ed
ultimo turno di squalifica, e dovendo rinunciare a tante delle giovani atlete che
hanno contribuito a rendere unica questa stagione e che hanno avuto l’orgoglio
di essere convocate nella selezione Under 17 per il Trofeo delle Regioni.

L’Orizzonte
Catania però non ha avuto paura ed ha lottato ugualmente, come sempre, fin dal
primo momento. Le catanesi sono passate in vantaggio per prime, per poi
chiudere il primo tempo sull’1-1. Il secondo tempo è iniziato quindi ad armi
pari, ma la dea bendata ha subito negato a Claudia Marletta la gioia del nuovo
sorpasso su tiro di rigore e le messinesi sono andate avanti concludendo la
frazione sull’1-4. E’ stato un break decisivo, perché le rossazzurre hanno
perso i due quarti successivi sempre e solo di misura (2-3 e 0-1), senza però
riuscire a rientrare in partita, ma chiudendo ancora una volta il match con
tutta la piscina in piedi ad applaudire e a gridare con orgoglio “Orizzonte…Orizzonte!!!”.

Tra
le migliori in campo Emily Greenwood, autrice di due goal, e Agnese Di Stefano,
a segno una volta come Claudia Marletta. Ennesima nota lieta l’esordio in Serie
A1 di Marta Giuffrida e Dorotea Spampinato (classe 2003), così come di Emanuela
Cavallaro (classe 2001), ma c’è grande felicità anche per la presenza in
panchina del giovanissimo portiere Helga Maria Santapaola (classe 2004).

Proprio per questo alla fine del match
il coach dell’Orizzonte Catania è uscito dal campo con il sorriso, pensando a
tutte le sue ragazze, a partire da quelle che non hanno potuto partecipare alla
gara di oggi, e ha mostrato grande soddisfazione per l’ennesima splendida
esperienza fatta dalle sue giocatrici:
Va bene così – ha detto
Martina Miceli –
, per due tempi ce la siamo giocata alla grande. Nel terzo
avevamo Claudia Marletta e Sofia Lombardo già con due falli ciascuno ed è stato
ancora più difficile giocarsela così. Poi un pò i rigori sbagliati, un pò i
pali colpiti con il pallone che si è fermato più volte sulla linea, ma anche la
tensione, hanno fatto il resto. Però questo è comunque un derby, è un Play-Off,
e per quanto puoi giocartela con spavalderia è pure giusto essere tesi perché
sai che partite come questa ti fanno crescere. Siamo comunque molto contente
per ciò che abbiamo dato, anche se rimaniamo delusissime per il fatto che le
altre giovani non hanno partecipato a questa festa. Oggi c’è però anche la
grande soddisfazione di aver fatto esordire due 2003 ed una 2001 e quindi il
nostro bilancio resta più che positivo. È qualcun altro forse che devo porsi
degli interrogativi, noi siamo con la coscienza a posto perché abbiamo fatto
una grande annata nella quale ci davano già per morti in partenza. Per due
parziali, finché le forze ci hanno sorretto, abbiamo lottato anche oggi e lo
abbiamo fatto contro uno squadrone costruito per vincere lo Scudetto, quindi di
sicuro abbiamo dato il massimo pure stavolta. A Messina ritroveremo Tania Di
Mario e anche lì ce la giocheremo senza paura
”.

Gara 2 si giocherà sabato 18 aprile 2015 a Messina, eventuale
Gara 3 è in programma domenica 19 aprile.

Oggi, a tifare Orizzonte in piscina, c’era anche il Campione
del Mondo di spada maschile 2011 e attuale Campione Italiano e Vice-Campione
Europeo, il catanese Paolo Pizzo.


IL TABELLINO DEL MATCH:

 

Orizzonte
Catania – Waterpolo Messina: 4-9

 

Parziali:
1-1, 1-4, 2-3, 0-1

 

Orizzonte Catania: Harache, Greenwood 2,
Distefano 1, Buccheri, Giuffrida, Grillo, Palmieri, Marletta 1, Cavallaro,
Spampinato, Riccioli, Lombardo, Santapaola. All. Miceli

Waterpolo Messina: Sparano, Apilongo, Gitto 1, Starace,
Morvillo, Radicchi 1, Garibotti 4, Sevenich, R. Aiello, Avola, Bosurgi 3,
Laganà. All. M. Mirarchi

Arbitri: Centineo e Lo Dico

Note: Nel secondo tempo, dopo 1’16”,
Marletta (O) ha fallito un rigore (fuori) e nel quarto tempo, dopo 4’24”
Martella (O) ha fallito un altro rigore (parato da Sparano). Superiorità
numeriche: Orizzonte 3/6 + 2 rigori e Messina 1/5 + 1 rigore. Nessuna è uscita
per limite di falli. Spettatori 250 circa

Commenti

commenti