NGM Firenze-Geymonat Orizzonte Catania: 7-6

Sconfitta di misura
per la Geymonat Orizzonte Catania, battuta per 7-6 dalla NGM Firenze
nell’undicesima giornata del campionato di Serie A1 di pallanuoto femminile.

Le catanesi dunque scendono al secondo posto a tre
lunghezze dalla capolista Rapallo, ben sapendo che questa battuta d’arresto non
peserà comunque sull’esito finale del campionato e che l’assenza per infortunio
di Palmieri ha certamente fatto sentire il suo peso.

Il match sembrava essere iniziato nel migliore dei modi,
poiché le ragazze di Martina Miceli avevano conquistato il primo tempo con il
parziale di 1-0. Black-out invece nel secondo, conquistato da Firenze per 3-0,
reazione delle catanesi nel terzo tempo vinto 2-1. Tiratissimo l’ultimo quarto
di gara, chiuso sul 3-3, con le padrone di casa aiutate da una deviazione
decisiva sull’ultimo goal a proprio favore.

Top scorer delle etnee è stata ancora una volta Capitan Tania
Di Mario con tre goal, mentre Arianna Garibotti ne ha fatti due. Una rete anche
per Claudia Marletta.

Questo il commento a caldo del coach della Geymonat
Orizzonte Catania:
Credo
che oggi abbiamo giocato molto bene in difesa – ha detto Martina Miceli – e questo lo sottolineo
nonostante ci sia stato qualche attimo di panico e di eccessiva foga,
soprattutto in attacco. Abbiamo preso dodici espulsioni contro, subendo solo
due goal in inferiorità numerica, quindi credo che dietro ci siamo comportati
bene. Poi abbiamo preso cinque goal in sette contro sette, ma ci può stare. In
attacco invece siamo state troppo precipitose e non abbiamo fatto assolutamente
ciò che avevamo preparato, ecco perché sotto questo aspetto sono
arrabbiatissima. In fase offensiva dovevamo affrontare la partita con maggiore
tranquillità, soprattutto perché ci mancava Palmieri, mentre non abbiamo avuto
lo spirito giusto. Credo anche che ci siano state troppe espulsioni contro di
noi e mi viene difficile capire l’interpretazione di gran parte di esse,
soprattutto perché la scorsa settimana certi falli sono stati giudicati in
maniera completamente opposta. Ne abbiamo subìte tante soprattutto sugli
esterni e francamente mi è sembrato un po’ eccessivo, soprattutto in
riferimento alla terza espulsione di Perreault e Radicchi. L’arbitraggio di De
Chiara è stato ottimo, ma sull’altro preferisco evitare ogni tipo di commento.
Con questo non voglio dire che il risultato finale è dipeso da questo, perché
la partita l’abbiamo persa in attacco, però alcune decisioni mi hanno lasciata
un po’ perplessa. Siamo state anche sfortunate, perché abbiamo subìto il loro
goal vittoria con una netta deviazione che ha spiazzato totalmente Ricciardi,
però pazienza. In ogni caso ho visto che tutte si sono battute tantissimo,
anche se dobbiamo sicuramente crescere tantissimo. Tania Di Mario, Arianna
Garibotti e Maddalena Musumeci si sono battute moltissimo, mentre mi aspetto
decisamente di più da chi sa che ha qualità immense ma deve ancora maturare
tanto. Ad esempio stiamo lavorando tantissimo con Claudia Marletta, nella quale
crediamo moltissimo, però deve imparare ancora parecchio e lasciarsi guidare
totalmente da chi ha maggiore esperienza. Resto comunque molto fiduciosa per il
futuro, ci sta che perdiamo qui e non ci fasciamo la testa per la sconfitta.
Andiamo avanti e cerchiamo subito la reazione, ben sapendo che anche questa
partita ci servirà d’insegnamento”.

Da Lunedì prossimo le rossazzurre ospiteranno a Catania
le ungheresi del
Dunaujvaros, con cui giocheranno due partite amichevoli, in programma
Martedì 19 alle ore 20:30 e Giovedì 21 alle ore 13:00 nella piscina di Via
Zurria.

I due
test-match faranno da apripista alla partita di ritorno dei Quarti di finale di
Coppa LEN che le catanesi giocheranno Sabato 23 Febbraio in casa delle russe
dello Shturm.

 

 

 

 

 

 

 

 

IL TABELLINO DEL MATCH DI OGGI:

 

NGM Firenze-Geymonat Orizzonte: 7-6

NGM Firenze Waterpolo: Gigli,
Ferrini, Masi, Colaiocco 1, Schifter Giorgi, Repetto, Bartolini 2, Bosco, Lapi
1, Olimpi, Giachi, Toth 3, D’Amico. All. Solfanelli.

Geymonat Orizzonte Catania:
Ricciardi, A. Musumeci, Garibotti 2, Radicchi, Di Mario 3 (2 rig), R. Aiello,
F. Aiello, Marletta 1, Lombardo, M. Musumeci, Dursi, Perreault. All. Miceli.

 
Arbitri: Baglietto e De Chiara.

Note: parziali 0-1, 3-0, 1-2, 3-3. Uscita per limite di falli: Perreault e
Radicchi nel terzo tempo (O), Lapi (F) nel quarto tempo. Superiorità numeriche:
Firenze 2/12 e Orizzonte 0/6 + 2 rigori. Spettatori 100

Commenti

commenti