L’Orizzonte Catania batte 16-10 la Despar Messina e conquista l’accesso alla Final Four di Marzo

L’Orizzonte Catania batte anche la Despar Messina e stacca il pass per l’accesso alla Final Four della Coppa Italia di pallanuoto femminile, vincendo il Girone C a punteggio pieno con sei punti. Questa mattina, infatti, le ragazze di Martina Miceli hanno battuto le peloritane per 16-10 nella seconda partita della prima fase della competizione di cui proprio le rossazzurre sono detentrici e che quindi avranno la possibilità di difendere il titolo nelle finali, che si giocheranno il 30 e 31 Marzo con sede da definire. La partita è rimasta in equilibrio solo nel primo tempo, conclusosi sul 3-3, mentre il secondo parziale ha visto l’Orizzonte vincere per 6-3. Ancora avanti le rossazzurre sia nella terza che nell’ultima frazione, vinte rispettivamente 3-2 e 4-2. Top-player di giornata è ancora una volta Capitan Tania Di Mario con cinque reti, ma fa bene anche Dominique Perreault a segno quattro volte. Tre goal pure per Arianna Garibotti, due per Rosaria Aiello e uno a testa per Valeria Palmieri e Filomena Dursi. Il General Manager dell’Orizzonte tira le somme delle impressioni avute in queste prime due gare: “Dopo solo un mese e mezzo di lavoro con Martina Miceli – ha detto Giuseppe La Delfa – , posso dire serenamente di aver preso coscienza che siamo in ritardo di un anno rispetto a ciò che avremmo dovuto fare già l’anno scorso, affidandole la squadra. Purtroppo però un anno fa abbiamo dovuto fare i conti con la sua grande voglia di continuare a giocare. Avremmo potuto quindi essere più avanti e più vicini ad una filosofia che potrebbe davvero aprire un nuovo corso. Per il resto, dico che sono molto contento del gruppo e di come stiamo iniziando e allo stesso tempo non smetto mai di sorprendermi di come la vecchia guardia sia sempre un punto di riferimento per le più giovani. Riguardo a Maddalena Musumeci, rispetto a quello che oggi è il livello generale della pallanuoto femminile, forse lei per noi può davvero rappresentare un acquisto del calibro di una giocatrice da nazionale. Se riuscirà a mantenere per tutta la stagione lo stesso entusiasmo che ha fatto trasparire in questi giorni, per noi sarà molto importante sia in vasca che all’interno dello spogliatoio. E’ chiaro che il tempo passa per tutti, ma sono sicuro che dove non riuscirà ad arrivare con il fisico ci riuscirà con il cuore e che quindi, se resteremo sempre uniti come ho visto in queste prime due partite, potremo provare concretamente a vincere lo scudetto anche grazie al suo aiuto”. Gli fa eco il coach delle rossazzurre, che sottolinea l’avvio di stagione positivo delle sue ragazze: “Il bilancio di questa due giorni è senz’altro positivo – ha detto Martina Miceli – . Oggi poi era una partita ancor più difficile di quella di ieri, ma noi abbiamo mantenuto lo stesso spirito del match d’esordio. Credo proprio che in campionato tutti faticheranno a battere il Messina, però le mie ragazze mi sono piaciute tanto e credo che oggi ci siamo resi conto ancor di più che divertiamo il pubblico e che al tempo stesso ci divertiamo pure noi. Quindi, al di là degli errori, va bene così anche perché miglioreremo certamente proprio perché la base forte per migliorare ciò che si sbaglia è rappresentata dall’entusiasmo e noi ne abbiamo tanto. Finora le ragazze sono state splendide, ma devo dire che si tratta di una sorpresa per tutti tranne che per me, perché le vedo in allenamento da diverse settimane e so di cosa sono capaci. Sono stata molto esigente con loro, perché le ho spremute tanto, le ho fatte addirittura correre sotto la pioggia e una volta le ho sottoposte ad una seduta di cinque ore, ma devo dire che le ho viste sempre più unite e che ogni volta tutte sono andate via dalla piscina con il sorriso. Riguardo ai nuovi acquisti, credo che la Dursi sia fortissima e che possa darci davvero una grande mano soprattutto negli ultimi due metri, anche se so che almeno in questa prima fase va utilizzata con intelligenza. Dominique invece è stata bravissima ad inserirsi subito, pur essendo arrivata solo da cinque giorni. Deve ancora migliorare tanto e soprattutto deve capire che con noi può davvero ricoprire quel ruolo di attaccante imprevedibile di cui abbiamo bisogno, lasciando così i compiti di gestione e impostazione del gioco a Tania Di Mario, che in questo ruolo è la migliore del mondo. Ci prendiamo questa qualificazione con grande felicità e ci prepariamo ad affrontare l’inizio di campionato sul campo del Bologna, cercando di sfruttare le energie positive che arrivano da questi due successi”. Felice per il suo esordio la nuova straniera dell’Orizzonte Catania: “E’ stato un inizio davvero bello ed emozionante – ha detto Dominique Perreault – . Sono contenta di essere qua e soprattutto perché tutte le mie compagne mi aiutano a capire come entrare rapidamente nei meccanismi di questa squadra. Sono sicura che andrà sempre meglio e che presto riuscirò ad esprimere tutte le mie potenzialità”.

ORIZZONTE CATANIA
Ricciardi, Musumeci A., Garibotti 3, Radicchi, Di Mario 5 (2 rig.), Aiello 2, Palmieri 1, Guarino, Lombardo , Musumeci M., Dursi 1, Perreault 4, Zuccarello. All. Miceli.

DESPAR MESSINA
Sabbatini, Abbate 1,Gitto, Begin, Murè, Arangio 1, Verde 1, D’Agata 1, Tagliaferri 1, Bujka 4 (1 rig.), Ayale 1, Palmieri, Pitino. All. Vinciguerra.

Arbitri: Scollo, Busacca.
Note: Parziali: 3-3; 6-3; 3-2; 4-2

2 rigori segnati da Di Mario nel primo tempo. 1 Rigore segnato da Bujka nel quarto tempo. Espulsioni per limite di falli: Bujka (Messina) nel quarto tempo.
Superiorità: Orizzonte 4/7 + 2 rigori; Messina 1/3 + 1 rigore.

CLASSIFICA: Orizzonte Catania 6, Despar Messina 3, IGM Ortigia 0.

Ufficio stampa, 21/10/2012

Commenti

commenti