L’Ekipe Orizzonte-Rapallo PN: 12-9

L’Ekipe Orizzonte soffre, va sotto, stringe i denti, poi
li esce, rimonta e ribalta il risultato, conquistando la vittoria con l’ennesima
prestazione di grande cuore.

E’ il film del match
di oggi, nel quale le catanesi hanno battuto 12-9 il Rapallo PN, nella settima
giornata del Campionato di Serie A1 di pallanuoto femminile, regalando un’altra
grande gioia al Presidentissimo Nello Russo, come sempre in tribuna in mezzo ai
tifosi sugli spalti della Piscina “Francesco Scuderi” di Via Zurria (CT).

Arriva quindi la
quinta vittoria stagionale delle rossazzurre, che consolidano il terzo posto in
classifica a quota 15, continuando a sorprendere tutti e portando a casa l’intera
posta in palio anche dopo un match difficile ed incerto fino a pochi minuti
dalla fine.

La partita è stata
segnata da un grande equilibrio sin dal primo tempo, chiuso sul 2-2, mentre nel
secondo parziale le liguri sono andate avanti vincendo la frazione per 2-1 e
mantenendo il vantaggio di misura per tutto il terzo tempo, chiuso sul 4-4. L’ultima
frazione di gioco è quindi iniziata sul 7-8 per Rapallo e proprio a quel punto
è venuto fuori l’orgoglio tipico delle ragazze di Martina Miceli, subito in
goal con Claudia Marletta. E’ stato quello il segnale della riscossa, concretizzata
da due splendide reti di Roberta Grillo, dopo un rigore fallito da Tania Di
Mario, che da grande capitano è tornata sui cinque metri poco dopo chiudendo il
discorso ed insaccando il goal dell’11-8, seguito poi da quello di Emily
Greenwood, che ha reso vana la nona marcatura della squadra ospite.

Il bottino di
marcature si completa così con quattro reti per una sontuosa Capitan Tania Di
Mario, tre per Claudia Marletta, due per Valeria Palmieri e Roberta Grillo, una
per Emily Greenwood.

Una partita al cardiopalmo dunque oggi per le catanesi,
ma il coach dell’Ekipe Orizzonte aveva già messo in guardia tutti alla vigilia
del match, conquistato con forza grazie all’immancabile prestazione di cuore
della sua squadra: “
E’ bello vincere pure così – dice Martina Miceli – , anche perché durante la partita c’era
stata qualche brutta sensazione. Abbiamo fatto molto bene in difesa, nonostante
oggi non sia stata una delle migliori giornate per Flavia Schillaci. Però sono
molto contenta per Sara Zuccarello, che è entrata a partita in corso ed ha
fatto bene, mentre ad Imperia era successo proprio l’opposto. Quindi sono molto
felice anche per questo, perché loro sono i nostri due portieri e lo saranno
per i prossimi 10-20 anni. Devono e stanno crescendo insieme, un giorno è
fondamentale una ed un giorno lo è l’altra. E’ bello vederle allenare insieme e
notare come vadano molto d’accordo, per noi rappresentano entrambe una risorsa
preziosissima. Dietro siamo state molto aggressive e questo è sicuramente uno
degli aspetti positivi della partita di oggi. Sono soddisfatta dell’esordio di
Giulia Campione, anche lei ha fatto il suo ma è normale che abbia bisogno di
tempo per inserirsi perfettamente nel gioco di questa squadra. Però ha fatto
qualcosa di carino in difesa ed anche in attacco si è presa le proprie
responsabilità. Abbiamo chiuso la partita in crescendo e questo secondo me è
dovuto al fatto che stiamo bene fisicamente, perché se Valeria Palmieri,
Claudia Marletta e Tania Di Mario fanno quattro tempi e fanno la differenza
alla fine, deve essere per forza così. Abbiamo vinto col cuore e questo è
bellissimo, è stata determinante anche Roberta Grillo, Tania aveva la febbre da
due giorni ed è stata strepitosa. Dopo il rigore sbagliato chiunque in un
momento decisivo si sarebbe defilato se ce ne fosse stato un altro, invece
appena lo hanno concesso si è girata verso di me e con lo sguardo mi ha fatto
capire di volerlo battere e segnare a tutti i costi e così è stato, com’era
giusto che fosse. Continuiamo a goderci il terzo posto, che ad inizio stagione
non avremmo mai potuto lontanamente immaginare di poter occupare a questo punto
del campionato, nemmeno nella migliore delle ipotesi. Gli obiettivi però non
cambiano, andiamo avanti per costruire il futuro cercando di sfruttare l’occasione
che ci dà questo tipo di classifica, che ci consente di far crescere
serenamente le piccole, magari facendo riposare il nostro capitano senza
spremerlo troppo ad ogni occasione”.

 

IL TABELLINO DEL MATCH:

L’EKIPE ORIZZONTE-RAPALLO PN: 12-9

Parziali: 2-2, 1-2, 4-4, 5-1 

L’Ekipe Orizzonte:
Zuccarello, Greenwood 1, Campione, Buccheri Y., Di Mario 4 (1 rig), Grillo 2,
Palmieri 2, Marletta 3, Buccheri G, Aiello, Riccioli, Lombardo,
Schillaci.   All. Miceli


Rapallo Pallanuoto: Lavi, Zanetta, Casanova, Avegno 1, Sessarego 1,
Tankeeva, Criscuolo S. 2, Arbus, Criscuolo C. 2, Cotti 3, Ioannou 1,
Maiorino.   All. Antonucci.

 

Note: Uscite per Limite di falli: Emily Greenwood (O) nel
quarto tempo. Superiorità numeriche: L’Ekipe Orizzonte 3/5 + 2 rigori; Rapallo
PN 2/9. Nel quarto tempo, Lavi ha parato un rigore a Di Mario, poi a segno nel
secondo tirato. Due tempi a testa per Zuccarello e Schillaci in porta per L’Ekipe
Orizzonte. Spettatori: 250

Nella foto Roberta Grillo (PH MIMMO LAZZARINO)

Commenti

commenti