Grande festa ieri sera in casa Geymonat Orizzonte Catania

Il primo acuto stagionale ha portato grande gioia in casa Geymonat
Orizzonte Catania e la società più titolata della pallanuoto femminile ha
voluto festeggiare l’ennesimo trionfo della sua storia.

Ieri sera infatti c’erano proprio
tutti al brindisi in famiglia che la società catanese si è voluta regalare nella
suggestiva cornice del centro storico di Catania, all’interno della Locanda del
Vinattiere, che ha ospitato i festeggiamenti per la conquista della seconda
Coppa Italia consecutiva da parte della Geymonat Orizzonte Catania.

Ranghi completi sia per la
dirigenza che per la prima squadra, dal Presidente Nello Russo al General
Manager Giuseppe La Delfa, con il coach Martina Miceli affiancato dalla sua
giovane e promettente assistente Aurora Coppolino, passando per tutte le giocatrici
guidate dal capitano Tania Di Mario e lo staff medico diretto dal Dott.
Giuseppe Brancati.

Una vittoria che non placa
affatto la fame di successi della Geymonat Orizzonte Catania, ma che anzi la
alimenta in tutti le sue componenti, soprattutto nelle giocatrici, che si auspicano
che la conquista della Coppa Italia sia solo la prima di una lunga serie di trofei
di questa nuova era con Martina Miceli alla guida.

Nel corso dei festeggiamenti il
coach della Geymonat Orizzonte Catania ha infatti ricevuto una maglietta
celebrativa dalle sue ragazze, semplice nella sua realizzazione ma autografata
con il cuore da ognuno di loro, che hanno voluto sottoscrivere con forza la
significativa frase rivolta alla propria condottiera (vincitrice del suo primo
trofeo da tecnico) e che recita così: “Ciak, buona la prima”.

Dopo più di venticinque anni
quindi la storia della Geymonat Orizzonte Catania continua sempre nel segno
della vittoria, ma è chiaro a tutti che non sarà affatto facile provare a
primeggiare anche in campionato.

Non vi è dubbio però che ci si
potrà basare ancora una volta sullo spirito che da sempre contraddistingue la
società catanese e che già da oggi ha spinto tutti a tornare a lavorare con
grande dedizione, permettendo di archiviare con un sorriso quanto è stato
raccolto finora e gettando le basi per un futuro ancor più promettente.

Commenti

commenti