Final Four di Coppa Italia da domani per l’Orizzonte Catania

Non
sono trascorse nemmeno ventiquattro ore dalla fine della partita di campionato
giocata dall’Orizzonte Catania sul campo del Plebiscito Padova, ma le catanesi
si trovano già alla vigilia di un altro impegno importante per la loro
stagione.

Da domani infatti le etnee saranno
impegnate nella Final Four di Coppa Italia, in programma a Rapallo fino a
Sabato e proprio domani, Venerdì 7 Marzo alle ore 20:30, le ragazze di Martina
Miceli affronteranno la Mediterranea Imperia in semifinale.

No
c’è un attimo di tempo per fermarsi quindi per le catanesi, che di certo non
hanno alcuna intenzione di lasciarsi abbattere dalla battuta d’arresto subìta a
Padova.

Alla vigilia della partita contro le
liguri, è il General Manager dell’Orizzonte Catania a prendere la parola manifestando
il pensiero della società sugli argomenti più caldi delle ultime ore:
Martina Miceli non è assolutamente in discussione e
sarebbe assurdo se lo fosse,
su questo non ci sono mai stati dubbi di
alcun tipo da parte di nessuno – dice Giuseppe
La Delfa –
, anche se le fa onore ciò che ha
detto ieri sera malgrado la stagione straordinaria disputata finora dalla
nostra squadra e i grandi meriti che lei e le nostre giocatrici hanno in tutto
questo. A dire il vero, però, viene un po’ da sorridere a pensare che in un’annata
che ad oggi è sicuramente molto positiva qualcuno si sorprenda che ci sia
qualche passo falso. Ciò, a maggior ragione quando tutto è dovuto anche a delle
partite perse per degli episodi o per una serie di componenti che magari possono
influire quando, nonostante si stia insieme per dieci mesi per vincere
qualcosa, gli obiettivi si concentrano tutti in un periodo molto stretto. Non
ci sono elisir particolari per trovare le soluzioni, che sappiamo quali sono e
da cosa passano senza dover immaginare alcuna componente esterna. Come siamo
stati bravi tutti insieme a portare la squadra in Coppa Campioni a questo
livello, così come in Coppa Italia e in Campionato, saremo sicuramente nelle
condizioni di proteggere con i nostri mezzi tutto ciò che abbiamo fatto fino ad
ora. Sappiamo bene dove dobbiamo intervenire e come fare, quindi siamo
assolutamente sereni. E’ chiaro che adesso in una settimana ci giochiamo tante
cose, ma questa è la stessa squadra che ha vinto in Siberia con quattro reti di
vantaggio, ha espugnato Rapallo in campionato e non ha fatto un passo falso per
mesi interi. Va sottolineato poi che nemmeno negli anni in cui l’Orizzonte era
davvero imbattibile, sia a livello nazionale che internazionale, quando
bruciava tutti i record e polverizzava ogni sorta di statistica, eravamo
convinti che potesse andare sempre tutto liscio senza pause o senza la
necessità che il singolo o il gruppo tirasse il fiato in qualche occasione.
Quella di adesso è davvero una buona squadra, fatta di atlete che sono
sicuramente le più giuste per gli equilibri del nuovo corso dell’Orizzonte e
per il livello attuale dei campionati. Ancora oggi sono fermamente convinto che
Rita Keszthelyi sia la migliore straniera della Serie A1 italiana, che Tania Di
Mario sia una delle migliori giocatrici del mondo, che poche atlete abbiano il
talento di Arianna Garibotti, Valeria Palmieri e Claudia Marletta o la
caparbietà e la testardaggine di Rosaria Aiello e Federica Radicchi. Sono
soprattutto straconvinto che, oggi e per il futuro, Martina Miceli sia uno
degli allenatori più capaci in assoluto e in grado di poter portare la squadra
che guida a competere ad altissimi livelli e vincere, così come sono sicuro che
alla fine di questa stagione potremo comunque fare un bilancio positivo a
prescindere dal numero di trofei che porteremo a casa. Poi è chiaro che è anche
divertente osservare come ci sia gente che aspetta solo il momento per
commentare o puntare il dito contro di noi, ma che non ha idea di cosa
significhi organizzare e gestire stagioni vincenti. Spesso chi parla o non ha
nulla a che vedere con lo sport ad alti livelli o parla solo per parlare, perché
quello di parlare degli altri è lo sport più popolare in Italia. A queste cose
però noi non abbiamo mai fatto caso e continueremo a vivere solo la nostra
dimensione interna, tirando avanti per la nostra strada
”.

Proprio alla vigilia di un impegno così
prestigioso come la Final Four di Coppa Italia, l’Orizzonte Catania è lieta di
comunicare di aver intrapreso una importante sinergia con Telethon, in virtù
della stretta collaborazione tra il coordinatore provinciale, Dott. Maurizio
Gibilaro, e il Presidente della società rossazzurra, Prof. Nello Russo, che
porterà allo sviluppo di diverse iniziative a scopo benefico.

 

QUESTO IL QUADRO COMPLETO DELLA FINAL
FOUR:

 

Semifinali – venerdì
7 marzo

Plebiscito Padova-Rapallo alle 19.00
(differita 23.15 Rai Sport 2)

Mediterranea Imperia-Orizzonte Catania alle
20.30
(differita 00.45 Rai Sport 2)

 

 

Finali – sabato 8
marzo

terzo posto alle 14.00
primo posto alle 15.30
(differita 23.00 Rai Sport 2)

Commenti

commenti