Domani alle 15:00 c’è Plebiscito Padova-Orizzonte Catania

Nuovo
impegno di campionato per l’Orizzonte Catania, che si appresta a tornare in
vasca per affrontare il Plebiscito Padova nella seconda giornata della Serie A1
di pallanuoto femminile.

Le
catanesi arrivano dalla bella vittoria conquistata nel primo turno contro il
Città di Cosenza, ma sanno bene che il match contro le venete presenta notevoli
insidie soprattutto per la caratura dell’avversario.

La partita si giocherà domani, sabato 11
ottobre 2014 alle ore 15:00, nella Piscina Comunale di Padova e vedrà le
rossazzurre opposte ad una squadra che evoca ricordi poco felici ma che
fornisce grandi stimoli a prescindere dal divario tra le due rose, come spiega
il coach dell’Orizzonte Catania:
Veniamo
dal successo importantissimo contro Cosenza ma non è stata certamente una
settimana facile
– dice Martina
Miceli –
, perché abbiamo avuto la
possibilità di fare un solo allenamento con tutte le atlete. Non ci piangiamo
addosso per questo, ma è un dato di fatto da non sottovalutare. Siamo
sicuramente ancora in ritardo ed andiamo ad affrontare un avversario che è molto
più avanti di noi sia come preparazione che come organico. Loro hanno
certamente un tasso tecnico generale più elevato del nostro, ma bisogna anche
considerare che noi siamo ancora in fase di lavori in corso. Da lunedì riaprirà
la piscina di Nesima e quindi probabilmente cambieranno tante cose, facendo
così risaltare il nostro potenziale grazie alla possibilità di allenarsi meglio
e tutte insieme. Affrontare Padova così è certamente strano, sia perché questa
è sempre stata una sfida molto sentita sia per com’è finita la semifinale dello
scorso anno. Quella partita brucia ancora tanto ed ha sicuramente fatto da
spartiacque nella storia dell’Orizzonte. Perdere con loro quel match ci ha
certamente spinti a fare delle riflessioni, che poi hanno tracciato la strada
al nostro progetto di rinnovamento. Ci prendiamo ovviamente le cose positive
che sono venite fuori da allora, però so che per coloro che erano in campo in
quella partita è ancora viva quella delusione che non sarà facile eliminare
subito, ma che farà da base per ciò che vogliamo costruire di nuovo.
Affronteremo questa partita con grande serenità, consapevoli che come ho già
detto sabato scorso nessuno abbasserà la guardia contro di noi. Ce la
giocheremo a viso aperto, sicure di crescere ancora e che saranno proprio
queste le partite che ci permetteranno di maturare maggiormente. Purtroppo non
avremo Buccheri, perché quando abbiamo organizzato questa trasferta Ylenia non
era stata ancora tesserata. Sarà però una buona occasione per far fare
esperienza a qualcuna delle giovanissime, infatti porterò con noi due classe ‘99
e una 2000 come Aiello, Musumeci e Santapaola e mi auguro che tutte e tre possano
trarre il massimo da questa opportunità”.

Commenti

commenti