Domani alle 15:00 c’è Orizzonte Catania-Firenze PN

Per l’Orizzonte Catania arriva il momento
più importante della stagione, perché le rossazzurre avranno l’opportunità di
chiudere definitivamente il discorso salvezza, garantendosi così la permanenza
nella massima serie.

Domani,
sabato 28 febbraio 2015 alle ore 15:00, nella Piscina “Francesco Scuderi” di
Via Zurria (CT), le catanesi ospiteranno infatti il Firenze PN nella
quindicesima giornata di A1 di pallanuoto femminile e in caso di vittoria
creerebbero un divario davvero incolmabile sia per le toscane che per le altre
squadre in lotta per la salvezza.

Le catanesi partono da un vantaggio di
sette punti in classifica sulle due penultime e ben dieci sulle avversarie di
turno, ma il match di domani è tutt’altro che scontato.

Servirà
quindi la miglior prestazione del campionato e ci vorrà una cornice di pubblico
eccezionale, come sottolinea il coach dell’Orizzonte Catania alla vigilia della
sfida:
“Quella di domani
per noi sarà la partita dell’anno – dice
Martina Miceli –
, vogliamo giocarla come se fosse Gara 5 di una finale scudetto!
È strano dirlo così, forse fa un po’ impressione, ma siamo felici di provare
queste sensazioni perché significa che ci teniamo tanto a fare bene. È la
nostra partita, ci aspettiamo una piscina stracolma e sarebbe davvero bello
vederla come quando giocavamo le finali di Campionato o Coppa Campioni. Per
questo chiamiamo a gran voce tutti i nostri tifosi, perché vengano a sostenerci
come hanno sempre fatto soprattutto nei momenti importanti. Sappiamo bene che
chi ci sta vicino è capace di trasmetterci tanto entusiasmo, qualunque sia il
nostro obiettivo, e il nostro atteggiamento dovrà essere quello di chi va a
giocarsi qualcosa di unico. Dovrà essere così per tutte, in particolar modo per
chi non ha ancora avuto l’opportunità di disputare una vera finale. Sono
sicurissima che onoreremo questa partita come va fatto, ma so anche che non
sarà necessario dire nulla di particolare alle mie ragazze per caricarle. Loro
sono bravissime ad entrare in clima-partita, tutte, e in questa stagione hanno
fallito pochissime volte. Magari abbiamo buttato via qualcosa a Cosenza, o
abbiamo giocato male a Firenze, dove però ci è toccato fare una levataccia e
siamo scese in campo senza Valeria Palmieri. In ogni caso non voglio cercare
alibi di alcun tipo, perché so che abbiamo dato sempre il massimo a prescindere
dal risultato. Quest’anno, quando le mie giocatrici sapevano di dover scendere
in vasca per fare la partita lo hanno fatto e so che saranno all’altezza pure
stavolta. Vogliamo assolutamente blindare la salvezza già da domani, per
cominciare a pensare anche a quello che dovremo fare subito dopo. Tra l’altro
questo finale di campionato coincide con l’inizio di alcune categorie del
Settore Giovanile, al quale tutti, dal Presidente a chiunque altro tra noi,
teniamo in particolar modo. Per la prima squadra sarà difficile tornare subito
ai livelli che competono al nome dell’Orizzonte Catania, ma noi vogliamo farlo
e lo faremo, prendendo però il tempo necessario. Questo perché intendiamo farlo
con il nostro gruppo, formato da queste ragazzine terribili che stanno
crescendo. Ci vorrà forse ancora un po’, perché anche se stanno maturando
rapidamente non sono ancora le giocatrici che diventeranno certamente. Sappiamo
però che quando torneremo ad alti livelli lo faremo con chi veramente ha l’orgoglio
di sentirsi catanese fino al midollo e di appartenere a questa città e a questa
società”.

Commenti

commenti