Coppa LEN: Shturm 2002 Ruza-Geymonat Orizzonte Catania: 15-9

La Geymonat Orizzonte Catania
saluta la Coppa LEN e cede il passo alle fortissime russe dello Shturm 2002
Ruza, che vincono 15-9 nel match di ritorno dei Quarti di Finale e accedono
alle semifinali della competizione europea.

Le catanesi quindi non sono
riuscite nella difficilissima impresa di ribaltare il risultato dell’andata,
quando lo Shturm aveva vinto 15-11 a Catania facendo già capire la sua forza.

Nei primi tre tempi del match di
oggi però le ragazze di Martina Miceli hanno offerto una prova positiva,
perdendoli tutti di misura, il primo e secondo entrambi per 3-2 e il terzo per
4-3. Divario più ampio nell’ultimo parziale, perso 5-2.

Tra i marcatori Arianna Garibotti
è stata la più prolifica della Geymonat Orizzonte Catania con tre goal, mentre
Federica Radicchi e Capitan Tania Di Mario ne hanno fatti due a testa. Un goal
ciascuno anche per Rosaria Aiello e Claudia Marletta. Due tempi a testa in
porta per Peppina Ricciardi e Chiara Brancati.

Questo il commento del coach rossazzurro nel post-partita: “Secondo me soprattutto nei primi due tempi abbiamo giocato
benissimo
– ha detto Martina
Miceli –
ma siamo state molto sfortunate perché nella prima frazione
abbiamo subìto tre goal stupidissimi. Nel secondo tempo abbiamo creato tanto,
pur avendolo perso con lo stesso risultato del primo. Superata la metà della
partita, dato il risultato, era inutile continuare a giocare a pallanuoto e
siamo passate al pressing. Per questo probabilmente abbiamo pagato lo sforzo
soprattutto nel finale di gara, anche se credo che l’ultimo tempo non faccia
testo perché Garibotti e Radicchi sono uscite per aver commesso il terzo fallo
e quindi eravamo senza dubbio ancor più svantaggiate. Non facciamo drammi,
perché probabilmente non siamo ancora mature per affrontare alla pari squadre
di questo tipo, anche perché secondo me lo Shturm è in assoluto la più forte
d’Europa tra Coppa Campioni e Coppa LEN. Ci sta quindi che perdiamo con loro,
anche se forse non con un divario così ampio, però abbiamo sofferto molto pure
l’assenza di Valeria Palmieri per infortunio. Noi però non ci abbattiamo e
andiamo avanti, sono sicura che anche questa sconfitta ci permetterà di
crescere ulteriormente”.

La Geymonat Orizzonte Catania tornerà in vasca già Mercoledì 27
Febbraio 2013 alle ore 15:00 nella piscina casalinga di Via Zurria (CT), per
recuperare il match di campionato contro il Plebiscito Padova, inizialmente in
programma per oggi e rinviato per l’impegno europeo delle catanesi.

 

 

IL TABELLINO DEL MATCH:

 

SHTURM 2002 RUZA-GEYMONAT
ORIZZONTE CATANIA
: 15-9
(3-2; 3-2; 4-3; 5-2)

 

Shturm 2002 Ruza: Ustyukhina, Gerasimova 1,
Buravkova 2, Pustynnikova 3, Panteleeva 1, Pletneva, Tankeeva 4, Van Belkum 1,
Timofeeva, Aleksandrova 1, Ivanova 2, Antonova, Mazepova. All. Radionov.

 

Geymonat Orizzonte Catania: Ricciardi,
Musumeci A., Garibotti 3, Radicchi 2, Di Mario 2 (1 Rig.), Aiello 1, Marletta
1, Lombardo, Musumeci M., Dursi, Perreault, Brancati. All. Miceli.

 

Arbitri:Franulovic (Cro) e Turkkan (Tur)

Delegato: Perisic (Ser)

Superiorità numeriche: Shturm 5/11,
Orizzonte 3/11 + 1 rig. segnato da Di Mario.

Espulse per tre falli nel quarto tempo Garibotti e Radicchi
(Orizzonte).

Commenti

commenti